Quarto Grado 10 maggio 2019 in diretta: la piccola Noemi sparata, Armando Del Re fermato

232
Armando del Re, ha sparato a Noemi
Con DAZN avrai 3 match a giornata in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Un pregiudicato fermato per la sparatoria di Napoli che ha coinvolto la piccola Noemi di 4 anni, tutti gli aggiornamenti in prima serata Rete 4 con Nuzzi e Viero

Quarto Grado: diretta tv e streaming

C’è un uomo fermato per la sparatoria che ha portato al grave ferimento della piccola Noemi, di 4 anni, a Napoli. Si chiama Armando del Re ed è un pregiudicato. Sarà sicuramente l’argomento di punta della nuova puntata di Quarto Grado in diretta questa sera in tv venerdì 10 maggio 2019 dalle 21.15 su Rete 4 con Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero. Il programma può essere seguito anche da pc, tablet e smartphone in live streaming su Mediaset on Demand.

Quarto Grado: Armando del Re fermato per sparo a Noemi

Napoli. Fermato Armando Del Re. Avrebbe sparato alla piccola Noemi. A dargli copertura questa settimana il fratello. L’uomo è un pregiudicato. Noemi è la bambina di quattro anni ferita da un colpo di pistola venerdì scorso, in un agguato in Piazza Nazionale a Napoli. Le sue condizioni restano critiche anche se nelle ultime ore va registrato un lieve e graduale miglioramento della funzione respiratoria. Intanto, all’Ospedale Santobono di Napoli, i genitori di Noemi hanno ricevuto la visita del Capo dello Stato Sergio Mattarella, del ministro dell’Interno Matteo Salvini e del sindaco della città Luigi De Magistris.

Quarto Grado 10 maggio 2019: processo Vannini

C’è una svolta sulla morte di Marco Vannini, il ragazzo di Ladispoli ucciso da un colpo di pistola il 18 maggio 2015, mentre era a casa della sua ragazza. Nei giorni scorsi sono emerse nuove testimonianze: un amico dell’ex Comandante dei carabinieri di Ladispoli, afferma che a sparare sarebbe stato il figlio di Ciontoli e non il padre Antonio. Per l’omicidio, i giudici della Corte d’Assise di Roma hanno condannato Ciontoli-padre a cinque anni di reclusione (contro i 14 inflitti in primo grado). Sempre in appello sono invece state confermate le condanne per i due figli e per la moglie di Antonio Ciontoli.

italiamedia