Perché sì, perché no sul Referendum da stasera su Rete 4 con Paolo Del Debbio

356
Perchè sì Perchè no, con Paolo del Debbio su Referendum del 4 dicembre
Con DAZN avrai 3 match a giornata in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Da questa sera, su Rete 4 prima puntata di Perché sì, perché no: quattro speciali sul Referendum con Paolo Del Debbio e la squadra di Quinta Colonna

Perché sì, perché no in tv e streaming sul Referendum

Manca oramai meno di un mese al Referendum che chiamerà gli italiani ad un bivio importante per la Nazione. Da stasera in tv, giovedì 10 novembre, alle ore 21.15 su Rete 4, prende il via una nuova serie di trasmissioni dal titolo Perché sì, perché no, quattro speciali in prima serata – condotti da Paolo Del Debbio – per approfondire i temi del referendum costituzionale su cui gli italiani sono chiamati a votare il prossimo 4 dicembre. Streaming sul sito www.mediaset.it/rete4/ e in replica grazie a Mediaset on demand.

Perché sì, perché no speciale Referendum con Paolo Del Debbio

Il programma è realizzato dal gruppo di lavoro che firma Quinta Colonna. In ogni puntata, il giornalista ospita in studio politici di tutti i partiti – due favorevoli e due contrari al quesito referendario – che, in un’ora e mezza di confronto serrato, espongono le proprie argomentazioni e dibattono sui punti della «riforma Boschi», oggetto della scheda che gli aventi diritto troveranno nei seggi elettorali.

Ospiti e temi della prima puntata di Perché sì, perché no

Nel primo appuntamento, Del Debbio accoglie in studio i parlamentari Massimiliano Fedriga(Lega Nord), Alessandra Moretti (Partito Democratico), Giovanni Toti (Forza Italia) ed Enrico Zanetti (Scelta Civica). A tutti loro il compito di commentare la situazione politica: internazionale, dopo il voto americano che ha eletto presidente Donald Trump, e italiana, in particolare post Leopolda. Ogni ospite ha a disposizione un lasso di tempo preciso da utilizzare nel corso della puntata: a lui la possibilità di scegliere come impiegare i minuti, esauriti i quali non potrà più parlare.

italiamedia