Rocco Schiavone 7 novembre 2018: anticipazioni quarta puntata, finale di stagione

206
Rocco Schiavone seconda stagione stasera su Rai 2
Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Quarto e ultimo appuntamento con Marco Giallini nei panni del vice questore romano ispirato ai romanzi di Antonio Manzini, seconda stagione: trama e cast

Rocco Schiavone diretta tv e streaming

Ultima indagine, almeno per ora, per Rocco Schiavone questa sera mercoledì 7 novembre 2018 alle ore 21.20 su Rai 2, chiude anche la seconda stagione con il quarto e ultimo episodio Prima che il gallo canti tratto dal romanzo di Antonio Manzini, e dove ritroveremo ancora il Marco Giallini nei panni del vice questore con un passato e un presente molto turbolento. La puntata odierna può essere vista anche in streaming, da pc, tablet e cellulari su www.raiplay.it mentre on demand, dopo la mezzanotte, su Rai RePlay.

Rocco Schiavone: le anticipazioni di mercoledì 7 novembre 2018

Nell’episodio “Prima che il gallo canti” un cadavere senza nome viene trovato tra le colline di Castel di Decima a Roma. In tasca ha solo un biglietto con scritto il numero di telefono di Schiavone. Rocco è costretto a tornare a Roma per fare i conti con il suo passato oscuro, un compito che si rivela sempre più difficile, visto che da un po’ di tempo qualcuno sta informando il questore di ogni suo spostamento. C’è una talpa in questura. Per la prima volta, Schiavone non può fidarsi di nessuno, a parte Caterina e il piccolo Gabriele. Nel frattempo, il vicequestore di Spinaceto, che sta indagando sull’omicidio a Castel di Decima, scopre un collegamento tra la vittima e l’ambasciata dell’Honduras. A Rocco basta questo per capire che la vittima era legata a Enzo Baiocchi. Seguendo questa pista, Rocco intravede la possibilità di prenderlo una volta per tutte, di risolvere l’omicidio di Castel di Decima e di togliere dai guai Sebastiano. Sempre che la talpa non glielo impedisca…

Rocco Schiavone: cast e personaggi

La fiction stavolta è diretta da Giulio Manfredonia che ha preso l’eredità da Michele Soavi che aveva curato la prima stagione, e prodotta da Rai Fiction, Cross Production e Beta Film. Il protagonista è Rocco Schiavone, un poliziotto fuori dagli schemi interpretato da Marco Giallini che dopo il trasferimento alla Squadra Mobile di Aosta si trova a dover lavorare insieme all’agente Italo Perron (Ernesto D’Argenio). Intorno a Schiavone si muovono Caterina Rispoli (Claudia Vismara), unica agente donna della Questura, Antonio Scipioni (Fabio La Fata), e l’amante Nora (Francesca Cavallin). Guest star della serie è Isabella Ragonese, che presta il volto a Marina, il fantasma della moglie di Rocco, morta anni prima in un attentato. Nel cast compaiono anche Massimiliano Caprara, nel ruolo di Deruta, e Massimo Olcese, nel ruolo del questore Costa.

Rocco Schiavone:si chiude anche la seconda stagione

Dopo il successo della prima stagione, replicata peraltro sul finire della scorsa estate, torna in tv Rocco Schiavone serie tv di genere poliziesco. Altri 4 episodi, la cui trama è ispirata ai nuovi romanzi e racconti brevi di Antonio Manzini, incentrati sulla figura immaginaria omonima rispetto al titolo della fiction. Il personaggio di Schiavone è un vicequestore in forza alla Polizia di Stato, romano fin nel midollo, che si ritrova a dover svolgere le sue funzioni nella città di Aosta. Saccente, sarcastico nel senso più romanesco del termine, maleducato, cinico quanto basta; odia il suo lavoro, soprattutto odia Aosta. Però ha talento. In questa seconda stagione, vedremo Rocco preda di sentimenti poco esplorati nella serie  precedente. Conosceremo il vicequestore com’era prima dell’assassinio di Marina: un uomo vivo, innamorato della sua donna e della sua città, Roma.

italiamedia