The Terminal, Spielberg dirige Tom Hanks nella storia vera di un uomo che ha vissuto per anni in aeroporto, stasera su Rete4

151
Tom Hanks in The Terminal
Tom Hanks in The Terminal
Con DAZN avrai 3 match a giornata in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

The Terminal: stasera su Rete4 Tom Hanks interpreta la storia vera di un uomo costretto a vivere per anni in aeroporto


The Terminal: diretta tv e streaming


Stasera alle 21.15 su Rete4 va in onda The Terminal, film commedia del 2004 diretto da Steven Spielberg e interpretato da Tom Hanks, Catherine Zeta-JonesStanley Tucci. Il programma può essere seguito in live streaming da pc, tablet e smartphone su Mediaset on demand.


The Terminal: trama


Quando Viktor Navorski sbarca all’aeroporto JFK di New York, trova ad attenderlo Frank Dixon, il responsabile della sicurezza, il quale lo informa che, mentre era in volo, nel suo Paese d’origine, la Krakozhia, è scoppiata una guerra civile: il governo in carica e’ stato destituito e il futuro e’ molto incerto. Quindi in attesa di sapere se gli Stati Uniti riconosceranno i nuovi responsabili politici, il passaporto gli viene ritirato. Cosi’ Navorski non può uscire dall’aeroporto e non può nemmeno fare ritorno in patria: e’ bloccato in quel luogo ad aspettare gli sviluppi della situazione. L’uomo parla male l’inglese e si muove disorientato negli immensi spazi del JFK. A poco a poco però, cominciando a distinguere i veri terminal, le sale, i luoghi opportuni, Navorski si ambienta, fa conoscenze, si dedica a qualche lavoro, insomma si arrangia. La burocrazia non sa come liberarsene e per Dixon il problema si fa serio …


The Terminal: cast e personaggi


Tom Hanks è Viktor Navorski, Catherine Zeta-Jones è Amelia Warren, Stanley Tucci è Frank Dixon, Chi McBride è Joe Mulroy, Diego Luna è Enrique Cruz.


The Terminal: curiosità


Il film è ispirato alla storia vera del rifugiato iraniano Mehran Karimi Nasseri: giunto nel 1988 all’aeroporto di Parigi Charles de Gaulle, dopo essersi visto rifiutare il visto di ingresso dal Regno Unito a seguito del furto del suo passaporto, le opportunità offerte dalle Autorità francesi furono due: il rimpatrio o la permanenza in Francia. Mehran Karimi Nasseri si stabilisce quindi nel Terminal 1 dell’aeroporto della capitale francese sino ad agosto 2006. Sembra che Steven Spielberg abbia versato all’iraniano circa 300 mila dollari per poter portare sulla scena la sua storia.
Nel film sono presenti due evidenti errori storici: Amelia racconta a Viktor che il croissant ha origini rumene mentre è nato a Vienna, e che Napoleone Bonaparte, dopo la sconfitta nella battaglia di Waterloo, scelse volontariamente l’esilio nell’isola di Sant’Elena, quando invece vi fu condotto dagli inglesi.
I titoli di coda del film sono stati realizzati con veri autografi del cast tecnico ed artistico.

italiamedia