Liberi di scegliere 22 gennaio: Preziosi è un giudice del tribuna dei minori contro la ‘ndrangheta

65
Liberi di scegliere con Alessandro Preziosi in prima tv
Con DAZN avrai 3 match a giornata in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

In prima serata su Rai 1 un film per la tv che racconta la storia di chi cerca di strappare i ragazzi alla criminalità minorile, con Nicole Grimaudo

Liberi di scegliere diretta e streaming

Una storia di tutti i giorni che diventa film per raccontare uno spaccato di vita vera laddove ogni giorno si lotta contro la criminalità minorile. Come fa il giudice del Tribunale dei Minori di Reggio Calabria Marco Lo Bianco interpretato da Alessandro Preziosi in Liberi di scegliere in onda questa sera martedì 22 gennaio 2019 in prima tv su Rai 1. Appuntamento questa sera mercoledì 9 gennaio 2019 su Rai 1. Streaming su RaiPlay – Rai1.

Liberi di scegliere la fiction

Una produzione Rai Fiction – Bibi Film Tv, prodotta da Angelo Barbagallo per la regia di Giacomo Campiotti, con Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Carmine Buschini e con la partecipazione di Francesco Colella. “Liberi di scegliere” è scritto da Monica Zapelli – sceneggiatrice e scrittrice, autrice tra gli altri de “I cento passi” (2000, regia di Marco Tullio Giordana) e “Lea” (2015, regia di Marco Tullio Giordana) – e da Sofia Bruschetta, Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano, giovani sceneggiatori formatisi al Master Rai di scrittura seriale di fiction.

Liberi di scegliere il cast e i personaggi

Alessandro Preziosi è il giudice Lo Bianco; Nicole Grimaudo è Enza; Carmine Buschini è Domenico; Federica Sabatini è Teresa; Federica De Cola è Maria; Corrado Fortuna è Enrico; Vincenzo Palazzo è Giovanni; Andrea Bellisario è Gaetano; Lollo Franco è il presidente del tribunale; Naike Silipo è la signora Lo Bianco; Francesco Colella è Antonio.

Liberi di scegliere, la trama

Marco Lo Bianco è un giudice del Tribunale dei minori di Reggio Calabria e ha un sogno: strappare i ragazzi alla ‘ndrangheta. Giorno dopo giorno ha visto sedersi nella stessa aula di tribunale tutti i ragazzi delle più importanti famiglie mafiose della provincia. E ha capito una cosa. Che la ‘ndrangheta non si sceglie, si eredita. Le famiglie si assicurano il potere sul territorio grazie alla continuità generazionale, costringendo i figli a fare il mestiere dei padri.
Quando incontra Domenico, ultimo componente di una cosca, ma anche fratello minore di un ragazzo che ha inutilmente arrestato anni prima, Lo Bianco decide che è arrivato il momento di dire basta. Con una scelta che non ha precedenti, dispone l’allontanamento del ragazzo dalla Calabria e il decadimento della responsabilità genitoriale non solo per il padre latitante, ma anche per la madre.
Inizia una strada difficile che costringerà tutti ad abbandonare le proprie certezze. Lo Bianco e i suoi assistenti si confronteranno con i codici e i sentimenti di famiglie che hanno considerato sempre e solo come cosche criminali…

italiamedia