Presadiretta 7 gennaio 2019: intervista a Walter Ricciardi, petrolio e la giustizia a Bari

229
Presadiretta
Con DAZN avrai 3 match a giornata in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Primo appuntamento del nuovo anno con Presa Diretta la trasmissione di inchieste di Riccardo Iacona: anticipazioni prima serata Rai 3

Presadiretta: diretta tv e streaming

Fossile il lungo addio” e “Bari, giustizia al capolinea“, si intitolano così le prime due grandi inchieste con cui torna in tv Presadiretta, il secondo ciclo di trasmissioni della nuova stagione di inchieste guidate da Riccardo Iacona, questa sera lunedì 7 gennaio 2019 alle 21.15 su Rai3. Il programma può essere visto anche in streaming da pc, tablet e smartphone su raiplay.it/dirette/rai3, e on demand, dopo la mezzanotte, su RaiPlay.

PresaDiretta, lunedì 7 gennaio 2019: Fossile, il lungo addio

Petrolio, gas e carbone, tra i principali responsabili della produzione di CO2 e del cambiamento climatico, costano alle casse dello Stato circa 14 miliardi di euro l’anno in incentivi diretti e indiretti. Le telecamere di “PresaDiretta” hanno viaggiato da nord a sud per scoprire le contraddizioni nelle scelte energetiche e le occasioni mancate per dotare il paese di una più ampia rete di produzione di energia pulita. “PresaDiretta” è andata nei paesi più “indisciplinati” d’Europa sul piano del contenimento del riscaldamento del clima, Polonia e Germania. Gli Stati che più di tutti gli altri contribuiscono alla creazione di CO2 in quanto fanno ancora un uso massiccio del carbone per produrre energia. E poi il punto sullo stato di salute delle energie rinnovabili, sulla ricerca e l’innovazione in questo campo e lo straordinario esempio delle “comunità energetiche” che fanno del cittadino non solo un consumatore ma anche un produttore di energia pulita.

PresaDiretta anticipazioni: Bari, giustizia al capolinea

L’ospite in studio che aprirà la prima puntata è Walter Ricciardi, ex presidente dell’istituto Superiore di Sanità. Intervistato da Riccardo Iacona parlerà dei rapporti con il Governo e delle ragioni delle sue dimissioni di poche settimane fa.

Dall’estate scorsa, Bari non ha più un Tribunale perché l’edificio è stato dichiarato inagibile. I processi sono stati spostati nelle tende della Protezione Civile con esiti drammatici: migliaia di notifiche da rifare, appuntamenti cancellati, appelli e sentenze rimandati. Poi anche la tendopoli è stata chiusa. La giustizia a Bari è in ginocchio.

 

italiamedia