Giro d’Italia 2016, la presentazione in tv

1519
Vincenzo Nibali

Giornata dedicata al ciclismo, oggi, lunedì 5 ottobre, con la presentazione del Giro d’Italia 2016

L’avevamo lasciato con Contador in trionfo e Aru secondo, lo ritroviamo con tante novità e il fascino intatto di una tradizione che dura da 99 anni. In diretta su Raisport1 dalle 14.40, dall’Expo di Milano, ci sarà la presentazione della corsa rosa, in programma dal 6 al 29 maggio. La prima novità è nella partenza: saranno i Paesi Bassi e in particolare la provincia del Gelderland a lanciare il Giro d’Italia 2016, organizzato da RCS Sport per conto della Gazzetta dello Sport. E’ la 12esima volta che il Giro parte dall’estero, la terza dall‘Olanda dopo Groeningen nel 2002 e Amsterdam nel 2010. il Giro osserverà un giorno di riposo anche lunedì 9 maggio, quando sarà previsto il rientro in Italia e direttamente nel Sud dello stivale.

Ad aprire il Giro sarà, venerdì 6 maggio, una cronometro individuale di 8,1 km nella città di Apeldoorn, nota per uno dei più funzionali velodromi europei, che ha ospitato nel 2011 i Mondiali su pista. L’indomani la seconda tappa – ancora in Olanda –  attende i velocisti, con partenza da Arnhem e conclusione dopo 180 km a Nijmegen. Domenica 8 maggio la terza frazione sarà da Nijmegen e terminerà ad Arnhem, dopo 190 km, dove è atteso ancora uno sprint a plotone compatto. Gli organizzatori hanno chiesto ed ottenuto l’autorizzazione dall’UCI di poter avere 3 giorni di riposo anziché i classici 2.

Il primo sarà proprio il lunedì che porterà i corridori con i loro team nel nostro Paese.  Quindi riposo per lunedì 9 maggio, dedicato al trasferimento in Italia, da dove il Giro ripartirà martedì 10. Una volta che si sarà fatto rientro in Italia si ripartirà dalla Calabria, risalendo lo stivale dalla Basilicata e dalla Calabria. Quasi certo un arrivo in quota a Montevergine, ma tra le difficoltà delle prime frazioni ci potrebbero essere anche Roccaraso e Sestola.

Ci si dirigerà verso le Alpi orientali attraversando Marche ed Emilia Romagna con tappe appenniniche, dopodiché si giungerà in Veneto, con uno degli arrivi di tappa fissato ad Asolo. Il nord-est sarà protagonista nella seconda settimana con salite friulane. Non mancheranno neppure quest’anno le Dolomiti. Poi il gran finale tra Piemonte e Lombardia, che verrà rivelato dagli organizzatori. Tra i protagonisti più attesi Nibali, Aru e Landa, che è passato all’agguerritissimo team Sky.

italiamedia