Venerdì in tv il controverso documentario “Mia nonna la escort”

420
"Mia nonna la escort"

Alle 23.00 di questa sera Cielo trasmette il controverso e pluripremiato documentario “Mia nonna la escort”, di Charlie Russell.

Il racconto del regista Charlie Russell “Mia nonna la escort” mette in luce un fenomeno più diffuso di quanto si possa pensare, specialmente nel Regno Unito: quello di giovani ragazzi, poco più che maggiorenni, che decidono di pagare per avere rapporti sessuali con donne che, vista l’età, potrebbero tranquillamente essere le loro nonne.

In “Mia nonna la escort”, in onda oggi in seconda serata su Cielo alle 23.00, tale pratica verrà raccontata direttamente da tre signore inglesi, che oltre a illustrare la propria vita da prostitute mescoleranno aneddoti di vita e riflessioni su come poter convivere con una professione del genere. Le tre protagoniste di “Mia nonna la escort” sono la pornostar 57enne Sophie, la 64enne Beverly e l’85enne Sheila, che “senza sesso non saprebbe cosa fare nella vita” e che riesce a ricevere anche dieci clienti in una settimana, guadagnando tra l’altro circa 300 euro all’ora.

Katie Waissel, nipote di Sheila
Katie Waissel, nipote di Sheila

Il documentario di Charlie Russell si soffermerà sulle reazioni che hanno avuto le famiglie delle tre prostitute volta scoperte le loro “doppie vite”: la vicenda più toccante è sicuramente quella di Sheila, che dopo aver rifiutato di dare un taglio alla sua passione è di fatto stata abbandonata da tutti parenti più stretti, compresa la nipote Katie Waissel, finalista nel 2010 dell’edizione inglese di “X Factor“. L’arzilla anziana, però, si dice “ancora pronta a fermarmi. Non lo faccio per i soldi ma perché adoro il sesso. Anche solo pensarci mi fa sentire meglio”.

italiamedia