Domenica sera in tv: Speciale Tg1 sull’Afghanistan

528
guerra in Afghanistan, lo speciale TG1 dedicato ai tormentoni
guerra in Afghanistan, lo speciale TG1 dedicato ai tormentoni

La seconda serata di domenica di Rai 1 è dedicata all’approfondimento con Speciale Tg1 che questa settimana ritorna sulla guerra in Afghanistan

Torna puntuale l’appuntamento con l’informazione e l’approfondimento d’inchiesta di Speciale Tg1 che domenica in seconda serata, alle 23.10 circa, prova a fare il punto sulle ripercussioni della guerra in Afghanistan.

Un tema scottante soprattutto alla luce di quello che sta succedendo ai confini dell’Ungheria dove centinaia di profughi premono in fuga da un Paese che ormai da 40 anni non conosce la pace.

L’undici settembre è una data che ha sconvolto il mondo, occidentale e orientale. All’indomani dell’attentato alle Torri Gemelle la dichiarazione di guerra al terrorismo da parte degli Usa e degli alleati europei ha generato un conflitto contro Al Qaeda e la guerriglia dei talebani purtroppo ancora in essere da 14 anni con in prima linea i soldati italiani, presenti attualmente con più di 700 uomini.

A che punto è la guerra in Afghanistan? E’ servito l’intervento delle truppe occidentali? E quanto ancora ci vorrà per riportare la pace? Queste le domande che si pone Speciale Tg1 partendo dal reportage di Amedeo Ricucci “La forma dell’acqua”.

Da verificare la “tenuta” delle istituzioni democratiche di stampo occidentale che, instaurate, corrono ogni giorno il rischio di essere rigettate da parte della società civile afghana che deve cercare di plasmarle a suo uso e costume. Come l’acqua, appunto, che assume la forma che le si dà.

Parola anche ai rappresentanti della società civile afghana: uomini e soprattutto donne come Firoza Wahedi, che con coraggio sta provando a sviluppare la pratica dello sport fra le donne di Herat, in modo da promuoverne i diritti o Natif Qanawazi, l’imprenditore che ha investito 45 milioni di dollari in una fabbrica che oggi dà lavoro a 1200 operai.

 

 

italiamedia